terapie

Come risolvere i problemi di roncopatie e apnee notturne.


Le terapie per combattere i problemi di russamento e apnee notturne sono diverse.
Spesso per evitare di russare, nei pazienti in sovrappeso, il medico consiglia una sana dieta alimentare.
Molte volte ciò non è sufficiente, in questo caso può essere necessaria una terapia ventilatoria con CPAP, un piccolo ventilatore che aiuta la respirazione durante il sonno oppure l’uso di dispositivi odontoiatrici da applicare durante la notte (simili a bite).
In altri casi la scelta migliore è invece un intervento chirurgico, risolutivo e mininvasivo.

In ogni caso, per diagnosticare il disturbo e identificare la terapia giusta per ogni situazione occorre sempre rivolgersi a un medico specializzato in medicina del sonno.

Noi del Bruma Group siamo specialazzati nella costruzione di un meccanismo di protrusione mandibolare che si indossa la notte come un semplice bite ortodontico che non ha controindicazioni.
Questo semplice dispositivo vi permetterà di dormire senza mascherine di ventilazione con tutti i disagi del caso, con il nostro dispositivo potrete quindi dormire tranquillamente senza tubi, mascherine facciali ed elastici per tenere le mascherine sulla faccia.

Per curare l’apnea del sonno, in un primo tempo i medici guidano i loro pazienti verso la ventilazione notturna in pressione positiva continua (PPC). Un trattamento pesante che i pazienti fanno spesso fatica a seguire. La seconda opzione sono le ortesi d’avanzamento mandibolare. Queste sono costituite da due parti superiore e inferiore collegate tra loro da piccole barre regolabili o da sistemi brevettati in resina termoplastica molto piu’ sicuri e stabili che mantengono la mascella inferiore in avanti durante il sonno. Questo sistema consente di lasciar passare meglio l’aria a livello della faringe e di diminuire l’ostruzione.
Noi consigliamo “Bruma”, un sistema Brevettato che garantisce una sicurezza sulla soluzione del problema.

Ventilatore a pressione positiva continua

In caso di gravi problemi di apnee notturne, il ventilatore CPap è l’unico sistema esterno che offre risultati positivi, i dispositivi di avanzamento mandibolare in caso di gravi problemi di apnea sono inefficaci.
La ventilazione a pressione positiva continua è la terapia più frequente per l’apnea nel sonno da moderata a grave nei pazienti adulti.
Il ventilatore a pressione positiva continua (CPAP) usa una maschera che copre il naso e la bocca, oppure solo il naso.
Il ventilatore soffia delicatamente l’aria nella gola del paziente. La pressione dell’aria aiuta a tenere aperte le vie respiratorie mentre si dorme.
Se l’apnea nel sonno viene curata, il paziente probabilmente smetterà di russare; tuttavia, se non russa, non significa automaticamente che le apnee nel sonno siano cessate o che può smettere di usare il ventilatore L’apnea nel sonno, infatti, può ripresentarsi se non si usa il ventilatore a pressione positiva continua oppure se non lo si usa correttamente.
Di norma il ventilatore a pressione positiva continua viene consegnato a domicilio da un tecnico che lo installa e lo tara a seconda della prescrizione medica. Dopo l’installazione, è comunque necessario farlo tarare di tanto in tanto per ottenere risultati ottimali.
La ventilazione a pressione positiva continua può causare effetti collaterali in alcuni pazienti; tra di essi ricordiamo:
  • secchezza nasale o naso che cola,
  • irritazione della pelle del volto,
  • bocca secca,
  • mal di testa.
Se il ventilatore non è tarato correttamente, si può soffrire di gonfiore di stomaco e di mal di stomaco quando si indossa la maschera.
Se avete problemi con il ventilatore, chiedete consiglio allo specialista, agli infermieri e al tecnico: insieme potete prendere provvedimenti per diminuire gli effetti collaterali. Ad esempio può essere necessario modificare le impostazioni del ventilatore oppure le dimensioni della mascherina. Per alleviare la secchezza nasale o non avere più il naso che cola, può essere utile umidificare l’aria che attraversa la maschera oppure usare uno spray nasale.
Esistono diversi tipi di ventilatori e di maschere. Se quello che state usando non vi soddisfa, chiedete consiglio al medico che può suggerirvi di cambiare tipo, passando a uno più comodo.
Chi soffre di sintomi gravi dell’apnea nel sonno di norma si sente molto meglio una volta iniziata la ventilazione a pressione positiva continua.

Intervento chirurgico

Alcuni pazienti che soffrono di apnea nel sonno possono trarre beneficio dall’intervento chirurgico. Il tipo di intervento e la sua efficacia dipendono dalla causa dell’apnea.
L’intervento chirurgico è effettuato per allargare le vie respiratorie, di norma vengono rimossi, irrigiditi o ristretti i tessuti in eccesso nella bocca o nella gola, oppure viene risistemata la mandibola.
L’intervento chirurgico per irrigidire o atrofizzare il tessuto in eccesso viene effettuato in ambulatorio oppure in ospedale. Per far contrarre leggermente il tessuto possono essere necessarie piccole iniezioni o altre terapie locali. Per farlo restringere di più, invece, può essere utile una terapia ripetuta. Per irrigidire il tessuto, il medico pratica una piccola incisione al suo interno e inserisce una placca di plastica rigida.Per rimuovere il tessuto in eccesso, l’intervento chirurgico va effettuato in ospedale in anestesia. Dopo l’intervento, si può continuare ad avere mal di gola per una, due settimane.
L’intervento chirurgico di rimozione delle tonsille può essere utile in alcuni bambini, se sono le tonsille a bloccare la respirazione. Il pediatra può suggerire di aspettare per vedere se i tessuti si atrofizzano spontaneamente, durante la crescita del bambino.

Sorveglianza continua e CPap

Per essere certi che la terapia sia efficace, dovete farvi visitare regolarmente dal medico.
Se la terapia causa effetti collaterali fastidiosi, dovete tenerlo informato.
La sorveglianza continua è importante se siete in terapia con la ventilazione a pressione positiva continua. Prima di adattarsi a questa terapia può volerci un po’ di tempo. Se il ventilatore è scomodo o se non vi sembra efficace, informate il medico.
Probabilmente sarà necessario passare a un ventilatore o a una mascherina diversi; in alternativa potrebbe essere necessaria una terapia per alleviare gli effetti collaterali. Cercate di non ingrassare. Se ingrassate, l’apnea nel sonno può peggiorare e può essere necessario modificare il ventilatore. Se dimagrite, invece, potreste riuscire ad alleviare i sintomi dell’apnea nel sonno.
Finché l’apnea nel sonno non viene curata, dovete essere consapevoli del rischio derivante dalla guida o dall’uso di macchinari pericolosi.Se dovete sottoporvi a un intervento chirurgico sotto anestesia, comunicate al chirurgo e ai medici che soffrite di apnea nel sonno. Potrebbero essere necessari particolari accorgimenti per mantenere aperte le vie respiratorie durante l’intervento. Se usate l’apparecchio per curare l’apnea nel sonno, dovrete andare regolarmente dal dentista.

Apparecchi ortodontici

Indossare l’apparecchio ai denti può essere utile per alcuni dei pazienti che soffrono di apnea nel sonno lieve.
Il medico, inoltre, può consigliarvi di mettere l’apparecchio se russate molto ma non soffrite di apnea nel sonno. Il dentista o l’ortodontista possono realizzare un apparecchio di plastica su misura per curare l’apnea nel sonno. L’ortodontista è specializzato nella correzione dei problemi dei denti e delle mandibole. L’apparecchio rimetterà in posizione la mandibola e la lingua e vi aiuterà a tenere aperte le vie respiratorie durante il sonno.
Se usate l’apparecchio e trovate che è scomodo o vi fa male, avvertite il medico. Con ogni probabilità dovrete effettuare visite periodiche per regolarlo in modo che vi stia bene.

In molti casi il dispositivo Bruma potrà essere una buona alternativa al CPap, consulta gli specialisti che troverai in questo sito per farti consigliare la terapia migliore.